Nuovi locali per il centro Emostasi e Trombosi dell'Azienda Ospedaliera Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria. Collocato nel corpo centrale del presidio Civile, il nuovo ambulatorio, si è inserito nell'ottica di umanizzazione dell'Azienda per offrire ai pazienti luoghi più accoglienti e una migliore organizzazione dei servizi nel loro complesso.

Il Centro segue circa 2500 pazienti all'anno, con una crescita annuale del 10%, ossia circa 450 nuovi pazienti ogni anno e una media giornaliera che varia tra i 150 i 200 pazienti. Al centro vengono curati i pazienti affetti da emofilia, una patologia ereditaria che comporta una grave insufficienza nella coagulazione del sangue a causa della totale o parziale carenza di alcune proteine nel plasma.
Il Centro è riferimento per le malattie emorragiche e per le patologie legate a difetti nelle piastrine, sia per gli adulti che per i bambini, per le province di Alessandria e Asti, oltre a seguire le malattie rare ematologiche.
Il paziente che si reca al Centro deve eseguire un prelievo per verificare il proprio valore basale del tempo di protrombina e ottenere dai medici le indicazioni circa le dosi precise dei farmaci da assumere.
L'organizzazione prevede che il prelievo possa essere effettuato tra le 8.00 e le 10.00 ogni mattina, mentre il referto è disponibile dalle 11.30 allo sportello, oppure viene inviato direttamente al paziente attraverso il fax o la posta elettronica, contestualmente al prossimo appuntamento.
Il paziente può prenotare la prestazione telefonando al numero 0131 206230 e dovrà essere munito di ricetta del medico curante per eseguire i controlli.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni