Fonte ANSA

Far nascere da genitori portatori di gravi malattie genetiche un figlio sano, nel pieno rispetto della legge 40: a riuscirci, per primi in Italia, sono stati i medici del Centro unico di procreazione assistita dell'ospedale di Padova. Attraverso la diagnosi pre-concepimento sull'ovocita, come riportano i giornali locali, è venuto alla luce da alcune settimane un bimbo in perfetto stato di salute, figlio di una donna trevigiana colpita dalla sindrome di Smith Lemli Opitz (ndr - una patologia rara autosomica recessiva che porta a malformazioni, ritardo mentale e disturbi del comportamento – ndr).

La tecnica messa a punto dall'equipe sanitaria padovana consente di selezionare non gli embrioni ma gli ovociti prima della fecondazione. 'Esaminiamo il primo globulo polare, cioè metà dell'ovocita, che contiene il 50% del corredo cromosomico della cellula - spiega il prof. Carlo Foresta, responsabile del Centro - se vi troviamo un'alterazione, utilizziamo per l'inseminazione artificiale la metà sana dell'ovocita'. Foresta sottolinea che 'i globuli polari sono materiale extra embrionale, non hanno nessun ruolo nello sviluppo del feto e la loro rimozione non interferisce con la fertilizzazione'.
Il Centro padovano ha già esaminato 88 coppie, provenienti da tutta Italia e portatrici sane di 33 malattie genetiche, come la B-talassemia, la fibrosi cistica e l'emofilia. La diagnosi pre-concepimento, viene precisato, può essere applicata a coppie con alterazioni causate da un solo gene o con anomalie cromosomiche materne, ma non è in grado di individuare eventuali patologie trasmesse dal futuro padre. Per scoprirle eè necessaria l'indagine pre-impianto sull'embrione, procedura per la quale l'ospedale di Padova sta aspettando l'autorizzazione dalla Regione.

Articoli correlati

Sportello legale

L'esperto risponde

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni