Sono più o meno quanti i malati di talassemia, circa 8000, convivono con una malattia rara di origine genetica che un tempo condannava all’handicap e ad aspettative di vita basse: sono gli emofilici. Oggi, grazie alle nuove terapie e alla maggiore facilità nella diagnosi, le loro prospettive di vita, in termini di durata e qualità, sono enormemente migliorare.
“L'emofilia è una malattia rara del sangue che causa emorragie. La colpa è della carenza di alcune proteine che appunto servono per arrestare le emorragie – ha detto Pier Mannuccio Mannucci, direttore scientifico del Policlinico di Milano – oggi il problema si può prevenire attraverso una somministrazione regolare dei fattori della coagulazione, che ha fatto sì che la vita media dei pazienti sia arrivata oltre i 70 anni, praticamente come le persone sane”.    

I ‘fattori’ che possono mancare o essere carenti nel sangue possono essere di vario tipo e questo dà luogo alla classificazione della malattia in diverse categorie, la più diffusa è la forma A.
A determinare la gravità del quadro clinico però, più che la forma, è quanto sia grave la mancanza di fattore coagulante: in base a questo si distinguono le emofilie lievi da quelle più gravi. Attualmente non tutti gli emofilici seguono una terapia costante a base di fattore sostitutivo, molti, soprattutto quelli con forme meno lievi, usano una terapia ‘al bisogno’ ovvero in vista di operazioni chirurgiche o di altre circostanze che possano causa sanguinamento.
L’argomento emofilia è stato affrontato oggi nel corso di una tavola rotonda intitolata ‘La profilassi nel paziente emofilico in Italia: conviene?’ organizzata grazie al contributo di Baxter e alla quale hanno partecipato importanti specialisti nel campo dell’ematologia oltre che rappresentanti delle principali associazioni dei pazienti come Fedemo e Aice.
«In passato gli emofilici soffrivano di gravi emorragie, soprattutto muscolari e articolari, che alla lunga determinavano gravi handicap - prosegue l'ematologo – oggi però la situazione è cambiata nei paesi occidentali, questo grazie ai fattori sostitutivi, facilmente iniettabili per via endovenosa e disponibili in tipologie diverse secondo la forma di emofilia”.    
Anche dal punto di vista dell’assistenza molto è cambiato rispetto al passato: oggi in Italia ci sono circa 50 centri specializzati distribuiti sul territorio. “Le speranze maggiori per la lotta all’emofilia vengono oggi dalle biotecnologie o dalla produzione di farmaci con le tecniche del Dna ricombinante – ha detto Mannucci – Per il futuro possiamo aspettarci un azzeramento degli effetti collaterali e anche la guarigione. Oggi ancora questi fattori della coagulazione oggi richiedono l'infusione a giorni alterni con tutti gli inconvenienti del caso, ad esempio per i bambini. Ma si stanno già sperimentando somministrazioni una volta a settimana e in più si sta anche cercando di sviluppare un farmaco da somministrare per bocca. Siamo ancora lontani, ma la strada è tracciata”.
Per i Talassemici ad esempio questa soluzione è già arrivata, la terapia chelante, cioè contro l’accumulo di ferro in organi vitali tra cui il cuore, è da poco disponibile anche per via orale e così molti bambini affetti da questa seconda malattia rara, sono finalmente liberi dall’incubo dell’iniezione che prima andava ad aggiungersi alle trasfusioni periodiche.

Articoli correlati

Sportello legale

L'esperto risponde

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni