USA - La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato l'utilizzo del farmaco Xalkori® (crizotinib) per il trattamento di pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) positivo alle alterazioni del gene ROS1 e in fase metastatica. Xalkori®, un inibitore delle chinasi sviluppato e commercializzato da Pfizer, è già indicato come terapia per la forma di NSCLC associata a mutazione del gene ALK.

Le anomalie genetiche relative a ROS1 sono presenti in circa l'1% delle persone colpite da NSCLC. Xalkori è un composto per uso orale che, bloccando l'attività della proteina ROS1, può impedire la crescita e la diffusione del tumore polmonare.

La sicurezza e l'efficacia di Xalkori è stata valutata in uno studio clinico condotto su 50 pazienti con NSCLC metastatico e positivo a ROS1. In base a quanto riscontrato, il farmaco è stato in grado di indurre una riduzione totale o parziale del tumore nel 66% dei partecipanti, un effetto mantenuto per un periodo di tempo medio di 18,3 mesi.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa aziendale.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR 2020 - Instant book

Premio OMaR 2020 - Instant book

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni