I dati ad interim di uno studio di fase II, che sarà presentato in esteso all’ASCO (American Society of Clinical Oncology), dimostrano come l’anti PD-L1 di Roche, un farmaco sperimentale progettato per rendere le cellule tumorali più vulnerabili allo stesso sistema immunitario dell’organismo noto come MPDL3280A, ha raddoppiato la sopravvivenza rispetto a docetaxel in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC), il cui tumore esprimeva i massimi livelli di PD-L1.

Un miglioramento della sopravvivenza è stato osservato anche in persone che avevano media e alta (HR = 0,56) o qualsiasi livello di espressione di PD-L1 (HR = 0,63), come caratterizzato da un test sviluppato da Roche. Questi dati aprono la strada all’uso del PD-L1 come biomarker per stabilire le probabilità di risposta alla nuova classe di farmaci immuno oncologici.

Leggi qui la notizia completa.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR 2020 - Instant book

Premio OMaR 2020 - Instant book

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni