Contributo genitori single con figli disabili

La finestra temporale utile per presentare domanda è compresa tra il 1 febbraio e il 31 marzo 2022 (Circolare n° 39 del 10-03-2022)

Con il Messaggio n. 471 del 31 gennaio 2022, l’INPS ha comunicato che è online il servizio telematico per presentare la domanda di fruizione del contributo per genitori disoccupati o monoreddito con figli con disabilità.

Il contributo economico era stato inizialmente introdotto dalla Legge di Bilancio 2021, con uno stanziamento complessivo di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023. In seguito con il decreto del 12 ottobre 2021 (G.U. 285 del 30/11/2021), emanato dal Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze, sono state individuate le disposizioni attuative. Ora, con il Messaggio INPS, diventa pienamente operativo dal 1 febbraio.

A CHI È DESTINATO IL CONTRIBUTO

Il ristoro economico è destinato a genitori disoccupati o monoreddito, facenti parte di nuclei familiari monoparentali, con figli a carico aventi una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60%.

L’Art. 1 del succitato Decreto Ministeriale del 12 ottobre 2021, aggiunge tutti i dettagli necessari a questa definizione generica:

  1. genitori disoccupati o monoreddito: per genitore disoccupato si intende la persona priva di impiego oppure la persona il cui reddito da lavoro dipendente non superi le 8.145 euro all'anno o 4.800 euro annui da lavoro autonomo. Per genitore monoreddito si intende un individuo che ricava tutto il proprio reddito esclusivamente dall’attività lavorativa, oppure sia percettore di un trattamento pensionistico previdenziale. A tal fine non si tiene conto della percezione di eventuali altri trattamenti assistenziali. Non è calcolata, in ogni caso, l'eventuale proprietà della casa di abitazione;
  2. nuclei familiari monoparentali: nuclei caratterizzati dalla presenza di uno solo dei genitori con uno o più figli con disabilità a carico;
  3. figli a carico aventi una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60%: per figli a carico si intendono quelli che non essendo economicamente indipendenti continuano a essere mantenuti dal proprio genitore. In particolare, per restare a carico del genitore un figlio deve avere un reddito non superiore a 4.000 euro fino a 24 anni e non superiore a 2.840,51 euro se ha un’età maggiore di 24 anni.

L’Art. 4 prescrive che il riconoscimento del beneficio presuppone il possesso cumulativo, al momento della presentazione della domanda, dei seguenti requisiti:

  • essere residente in Italia;
  • disporre di un ISEE in corso di validità non superiore a 3.000 euro;
  • essere disoccupato o, monoreddito e facente parte di nucleo familiare monoparentale (così come definito dall’Art. 1, comma 365, della Legge n. 178 del 30 dicembre 2020);
  • fare parte di un nucleo familiare, come definito ai fini ISEE, in cui siano presenti figli a carico aventi una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60%.

IMPORTI, COMPATIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ

Gli Artt. 2 e 3 dello stesso DM stabiliscono i criteri per l'individuazione dei destinatari e le modalità di presentazione delle domande di contributo e di erogazione.

Il beneficio è corrisposto dall'INPS, su domanda del genitore, per un importo pari a 150 euro al mese, a partire dal mese di gennaio e per l'intera annualità.

Nel il genitore abbia due figli a carico – entrambi con una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60% – l'importo riconosciuto a norma del presente decreto sarà pari rispettivamente a 300 euro. In caso di figli che rispettino il criterio, in alcun caso il contributo potrà superare l’importo mensile di 500 euro netti.

L’Art. 5 stabilisce che il riconoscimento del beneficio decade in caso di:

  • decadenza di uno dei requisiti di cui all'Art. 4;
  • decesso del figlio;
  • decadenza dall'esercizio della responsabilità genitoriale;
  • affidamento del figlio a terzi.

COME FARE DOMANDA

La domanda dovrà essere presentata annualmente e non prevede il rinnovo automatico.

Esclusivamente per l’anno di riferimento con competenza 2022, il genitore richiedente, attestando il possesso di tutti i requisiti previsti dalla norma, può presentare domanda anche per l’anno 2021, selezionando l’apposito flag “Dichiaro di voler presentare domanda anche per l’anno 2021”.

A partire dal 1° febbraio e fino al 31 marzo 2022 la procedura in questione è disponibile online sul sito www.inps.it, per i cittadini muniti di SPID di almeno II livello, CIE o CNS.

Per raggiungere la sezione dedicata è necessario compiere questi passaggi: “Prestazioni e servizi” > “Servizi” > “Contributo genitori con figli con disabilità”; per i Patronati, il servizio è presente all’interno del “Portale dei Patronati”.

Nella domanda è necessario indicare, da parte del genitore-richiedente, il codice fiscale del figlio o dei figli con disabilità per i quali si chiede il contributo. È inoltre necessario indicare le seguenti modalità alternative di pagamento:

  • bonifico domiciliato presso ufficio postale;
  • accredito su IBAN (anche IBAN di libretto o carta ricaricabile).

In alternativa, la domanda può essere inoltrata tramite:

  • Contact Center Integrato, contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori);
  • Istituti di Patronato, utilizzando i servizi offerti dagli stessi.

L’accoglimento o il respingimento saranno direttamente consultabili dal cittadino/Patronato nella sezione “Ricevute e provvedimenti” nel dettaglio della domanda.

Per le domande istruite positivamente e nei limiti di spesa previsti, inizieranno già a essere corrisposti i contributi per il 2022. Viene invece rinviata a un apposito successivo messaggio l’illustrazione delle modalità di pagamento per le rate di competenza dell’anno 2021, qualora spettanti.

Trasmessa la domanda e completata la protocollazione, la ricevuta della domanda con l’indicazione del protocollo attribuito sarà disponibile nella sezione “Ricevute e provvedimenti” della medesima procedura.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni