Il responsabile potrebbe essere un microrganismo presente nelle zone del Giappone

Febbre complicata da aneurismi periferici, alterazione degli arti, eruzioni cutanee, occhi arrossati e ancora anomalie delle labbra e del cavo orale: sono questi alcuni dei sintomi della malattia di Kawasaki (KD) che può anche essere causa di cardiopatia nei bambini ma anche di cardiopatia ischemica negli adulti, tra i quali tuttavia la malattia è più rara visto che a soffrirne sono soprattutto i bimbi.  Sebbene la KD sia stata descritta in tutto il mondo, è più frequente nelle popolazioni Asiatiche, in particolare in quella Giapponese. L'incidenza annuale per 100.000 bambini sotto i cinque anni di età è 8,1 in Gran Bretagna, 17,1 negli Stati Uniti e 112 in Giappone. La patogenesi della malattia non è ancora nota e sono state proposte diverse teorie, compresa l'infezione di un microorganismo che secerne tossine e l'effetto di un superantigene.

E’ un’ipotesi che potrebbe essere rafforzata da uno studio appena pubblicato dall'Università di California a San Diego ha ora scoperto che i casi di malattia di Kawasaki negli Usa sono legati alle grandi correnti ventose che corrono dal Giappone, il Paese più colpito dalla patologia, fino al Pacifico del Nord.
“I nostri risultati - avverte la ricerca - suggeriscono che un 'trigger' ambientale, ovvero un evento esterno scatenante come il vento, è il principale vettore della diffusione della malattia di Kawasaki. La scoperta - precisano gli scienziati - potrebbe essere determinante negli sforzi per isolare la causa di questa malattia infantile devastante”.

Mentre i legami fra il trasporto delle polveri sottili e le malattie respiratorie sono ben documentati, fino a oggi non c'era stata alcuna evidenza del rapporto tra il ruolo del vento e la diffusione di un agente infettivo che causa una malattia umana. Il team internazionale, grazie a modelli atmosferici ed epidemiologici, è riuscito per la prima volta ad associare i picchi della diffusione della patologia con lo spostamento di alcune masse d'aria particolari.
Lo studio ha messo in relazione i picchi di epidemia della malattia di Kawasaki con una serie di evidenze e ricerche atmosferiche e oceanografiche. Riuscendo quindi a rivelare un collegamento tra la comparsa della malattia in alcune aree del pianeta e particolari modelli della pressione e del flusso del vento sulla superficie atmosferici a metà troposfera.
"Il collegamento tra malattia e le correnti d'aria che possono – ha detto Jane Burns, coordinatrice della ricerca - attraversare il Pacifico in meno di una settimana, può spiegare perché il numero di episodi di Kawasaki registrato in Giappone, a San Diego e nelle isole Hawaii, ha mostrato un picco stagionale dell'attività della malattia, quasi sincronizzato, da novembre a marzo". Secondo la Bruns i risultati potrebbero essere importanti negli sforzi internazionali per isolare la causa di questa malattia.


Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni