Quando ci si confronta con la diagnosi di patologie neuromuscolari si procede con indagini di tipo qualitativo, basate su analisi e tipizzazione istologica delle biopsie. Questo tipo di indagine però rende difficile quantificare i danni che la patologia comporta su ogni singolo paziente.
Secondo uno studio pubblicato su Orphanet Journal of Rare Diseases si è ora in grado di quantificare il grado di patologia correlabile a ciascun campione grazie a una metodica innovativa basata su sofisticati sistemi di rete.

Questo nuovo metodo chiamato Analisi Computerizzata per Immagini per le Malattie Neuromuscolari (NDICIA) analizza i campioni in modo obiettivo, automatico, preciso e con rapidità.

NDICIA è in grado di tipizzare i tessuti muscolari da campione, rappresentando ogni immagine come una rete, con le fibre che fungono da nodi e i contatti delle fibre come collegamenti. Eseguendo quest’analisi, il sistema è contemporaneamente in grado di generare dati quantitativi circa il danno causato da malattie come distrofie muscolari e atrofie neurogene.

La veridicità dei risultati ottenuti e, quindi l’attendibilità del sistema, è stata valutata tramite un confronto con  la valutazione quantitativa del danno effettuata da un medico patologo.

Articoli correlati

Sportello legale

L'esperto risponde

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni