Vaccino

Un’analisi retrospettiva dello studio MAGNIFY-MS mostra livelli di anticorpi protettivi contro l’influenza e la varicella per almeno 6 mesi

In occasione del Congresso ACTRIMS 2021, è stata presentata una nuova analisi dello studio MAGNIFY-MS su cladribina compresse nei pazienti con sclerosi multipla recidivante (SMR). I dati mostrano che i pazienti con SM recidivante che hanno ricevuto cladribina compresse sono in grado di sviluppare una risposta ai vaccini contro l’influenza stagionale e la varicella.

“Comprendere l’efficacia della vaccinazione nei pazienti con SM è particolarmente importante di fronte all’attuale pandemia e alla crescente disponibilità di vaccini contro il COVID-19”, ha dichiarato Klaus Schmierer, Professore di Neurologia presso la Queen Mary University di Londra e al Royal London Hospital, Gran Bretagna. “Anche se queste nuove informazioni si basano su una piccola coorte di pazienti che ha ricevuto vaccini antinfluenzali e contro la varicella, forniscono ai medici dati preliminari da cui emerge che i pazienti che assumono cladribina compresse sono in grado di sviluppare e mantenere risposte efficaci al vaccino”.

L’analisi retrospettiva è stata condotta per valutare la risposta anticorpale protettiva alle vaccinazioni contro l’influenza stagionale (n=12) e contro il virus della varicella (n=3) nei pazienti trattati con cladribina compresse. Sono stati esaminati campioni di sangue prelevati prima e dopo la vaccinazione. Nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino contro l’influenza stagionale, i livelli di anticorpi protettivi erano mantenuti o aumentati per almeno 6 mesi indipendentemente dalla conta linfocitaria misurata al tempo della vaccinazione nel corso del primo o secondo anno di trattamento con cladribina compresse. Nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino contro la varicella prima di iniziare il primo ciclo di trattamento con cladribina compresse, i livelli di anticorpi protettivi dalla varicella sono stati mantenuti nel corso dei 6 mesi successivi l’inizio del trattamento con cladribina compresse, nonostante la deplezione linfocitaria. Questi risultati sono stati consistenti a prescindere da quando i pazienti hanno ricevuto il vaccino rispetto al loro trattamento con cladribina compresse.

Nell’analisi del sottostudio CLOCK-MS sul vaccino, 3 pazienti con SM recidivante-remittente hanno ricevuto almeno una dose di cladribina compresse prima di ricevere il vaccino antinfluenzale. I livelli di anticorpi protettivi sono aumentati nelle 4 settimane successive alla vaccinazione in tutti e tre i pazienti. Due di questi pazienti, che hanno ricevuto il trattamento con cladribina compresse 2 e 4 mesi prima della vaccinazione, stavano manifestando linfopenia al momento della vaccinazione.

“In un mondo in continua evoluzione in cui la pandemia verosimilmente sarà presente per il prossimo futuro, è fondamentale capire l’impatto dei più comuni vaccini inattivati sulle persone che assumono terapie modificanti la malattia”, ha dichiarato Maria Rivas, Chief Medical Officer per il business Healthcare di Merck. “Siamo impegnati a comunicare valutazioni tempestive real-world dei nostri trattamenti per cercare di rispondere alle importanti domande poste dalla comunità scientifica della sclerosi multipla”.

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni