UE - E’ stato approvato dall’EMA il farmaco ruxolitinib di Novartis, un nuovo trattamento per i pazienti con mielofibrosi. Si tratta di un inibitore orale di JAK 1 e JAK 2 utile per il trattamento della splenomegalia e di altre sintomatologie in pazienti adulti con mielofibrosi.

Il farmaco, commercializzato con il nome Jakavi, è stato approvato negli USA quasi un anno fa. Sembra che il farmaco sia in grado di innalzare la qualità della vita dei pazienti, fornendo un beneficio rapido e durevole.

Il farmaco può provocare gravi effetti collaterali, tra cui la diminuzione della conta delle cellule ematiche, e favorire alcune infezioni, quindi il paziente dovrà essere sottoposto a monitoraggio completo. Il trattamento dovrà essere immediatamente sospeso in caso di reazioni ematologiche avverse come trombocitopenia, anemia e neutropenia.

Nel caso di somministrazione congiunta con inibitori del CYP3A3 o con fluconazolo, è consigliata l’assunzione di una dose ridotta del farmaco.

Vuoi saperne di più? Consulta la nostra sezione MIELOFIBROSI.

 

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni