L’inibitore dell’angiogenesi ramucirumab è stato approvato dall’Fda in combinazione con il regime chemioterapico FOLFIRI per il trattamento di seconda linea di pazienti con carcinoma del colon retto avanzato o metastatico e in progressione dopo un trattamento iniziale con bevacizumab, oxaliplatino e una fluoropirimidina.

La nuova approvazione si basa sui risultati dello studio di fase III RAISE in cui ramucirumab,  aggiunto alla chemioterapia standard di seconda linea (FOLFIRI), ha ritardato in modo significativo la progressione della malattia e prolungato la sopravvivenza in pazienti con un tumore del colon-retto avanzato e in progressione dopo la terapia di prima linea.
Il farmaco è già stato approvato dall’Fda per la terapia del carcinoma gastrico e del tumore del polmone non a piccole cellule, mentre l’Ema gli ha finora dato l’ok solo per la prima indicazione.

Leggi qui tutta la notizia.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR 2020 - Instant book

Premio OMaR 2020 - Instant book

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni