Senatrice Paola Binetti

Una nuova denuncia dopo quasi 4 anni di ritardi

La senatrice Paola Binetti, membro della dodicesima Commissione permanente Igiene e Sanità, con un’interrogazione presentata martedì 6 luglio, si è rivolta al Ministro della Salute, Roberto Speranza, chiedendogli risposte sui tempi di emanazione dei decreti attuativi inerenti l’intera applicazione del decreto n. 65 del 18 marzo 2017 che ha aggiornato i LEA, Livelli Essenziali di Assistenza, apportando cambiamenti sul fronte delle esenzioni e l’aggiornamento della specialistica ambulatoriale e del nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili.

Il precedente elenco risale all’anno 2002 e quindi da tempo si è resa indispensabile la necessità di modifica degli elenchi di prestazioni erogabili dal Servizio Sanitario Nazionale, anche a fronte dell’aumento delle malattie croniche e degenerative e delle malattie rare riconosciute dal SSN.

Ebbene, in assenza dei decreti attuativi del decreto del 2017, gli elenchi non sono stati ancora modificati e, di fatto, come sottolinea la senatrice Binetti “le nuove prestazioni e gli ausili non sono erogabili dalle Asl, le quali, nel frattempo, erogano ancora le prestazioni e gli ausili dettagliati nel precedente nomenclatore tariffario”.

Nell’interrogazione si legge che “il decreto demanda alle Regioni il compito di fornire le indicazioni per migliorare l’appropriatezza prescrittiva e semplificare ed omogeneizzare i percorsi organizzativi e clinico assistenziali; alcune Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano hanno già reso esecutivi da tempo, con propri provvedimenti (extra LEA), alcuni dei contenuti di alcuni degli allegati del decreto stesso (in particolare l’allegato 1), al fine di consentire le prescrizioni necessarie da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta ed al fine di agevolare gli assistiti affetti da condizioni croniche e stabilizzate precedentemente dal medico specialista”.

Dunque, in alcune Regioni e Province, alcuni contenuti del decreto, seppur extra LEA, sono stati resi esecutivi in totale indipendenza, in altre no. In questo modo è venuta a crearsi una disomogeneità sul territorio nazionale che può essere uniformata solo con l’emanazione dei decreti attuativi da parte del Ministro della Salute, che ci auguriamo provveda al più presto.

Come evidenziato dalla stessa senatrice Binetti, la celere applicazione del decreto sarebbe “in linea con quanto pubblicamente affermato dallo stesso Presidente del Consiglio dei Ministri che, in questi giorni, sta sollecitando tutti i Ministeri ad approvare i singoli decreti attuativi inerenti alle problematiche di propria competenza”.

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni