Sono stati presentati al Congresso 2014 dell’European Hematology Association (EHA), svoltosi a Milano dal 12 al 15 giugno scorsi, i risultati dello studio di fase III RESPONSE. Secondo tali risultati, il trattamento della policitemia vera con ruxolitinib produrrebbe miglioramenti sostanziali nei pazienti. Queste le parole di Anton Hagenbeek, ematologo dello University Medical Center di Utrecht (Olanda) non coinvolto nello studio: "I risultati appaiono impressionanti e senza precedenti. Nessun altro farmaco ha dimostrato un'efficacia paragonabile e gli effetti collaterali sono accettabili. Ruxolitinib riduce in modo significativo i segni e sintomi della malattia".

Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR 2020 - Instant book

Premio OMaR 2020 - Instant book

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni