Buonasera, sono impiegata nel Credito Cooperativo e sono invalida civile al 55%. L’eventuale contagio potrebbe aggravare la mia salute già debole dal punto di vista immunitario. Esiste un modo per salvaguardarmi e richiedere la possibilità di restare a casa in questo periodo di maggiore diffusione virale senza utilizzare malattia, ferie o il congedo di 30 giorni? Troppe disposizioni e troppo ampio lo scenario normativo: non sono riuscita a trovare da sola alcuna indicazione in merito. Vi ringrazio.
Tiziana

Risponde Roberta Venturi, avvocato e ricercatrice per Osservatorio Farmaci Orfani (OSSFOR)

Gentile,
stando a quanto riportato all’interno del nuovo Decreto Legge, definito come “Cura Italia”, è previsto che per i lavoratori dipendenti pubblici e privati in possesso di certificazione rilasciata dai competenti organi medico legali, attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione, il periodo di assenza dal servizio prescritto dalle competenti autorità sanitarie, è equiparato al ricovero ospedaliero. A questo proposito, se in possesso della documentazione di cui sopra può parlarne con il suo datore di lavoro.
Cordialmente.

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Prima di compilare la vostra richiesta è necessario prendere visione dell'Informativa sulla Privacy.
captcha
Ricarica
I dati inseriti in questo modulo sono utilizzati esclusivamente per fornirvi le informazioni richieste.
Questi dati non vengono in nessun modo trasmessi a terzi o impiegati per altri scopi.
Maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy le potete trovare in in questa pagina.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni