Un comitato indipendente di esperti è stato recentemente convocato dal National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti per fare il punto della situazione in merito al complesso disturbo definito col nome di encefalomielite mialgica (ME) e comunemente conosciuto come sindrome da fatica cronica (CFS). In base a quanto emerso dall'indagine, i pazienti affetti da ME/CFS, una patologia che può avere esiti invalidanti sia dal punto di vista medico che in ambito sociale o lavorativo, riescono difficilmente ad usufruire di cure adeguate a causa di una limitata conoscenza della malattia, di una ricerca scientifica insufficiente e della mancanza di corretti strumenti diagnostici. Il rapporto stilato dai membri del comitato del NIH è stato pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine.

La sindrome da fatica (o stanchezza) cronica è caratterizzata da una stanchezza persistente e grave che origina da una causa indeterminata. La malattia è più comune nelle femmine rispetto ai maschi e di solito si presenta nei soggetti adulti di età compresa tra 20 e 40 anni. I pazienti lamentano una stanchezza disabilitante che non migliora con il riposo e si aggrava con l'attività fisica e mentale. Sono comuni i problemi della concentrazione e della memoria e spesso si presentano anche sintomi virali, come febbre, mal di gola, cefalea e generale debolezza muscolare che può essere associata a mialgie e artralgie.

L'indagine degli esperti statunitensi ha rilevato, in aggiunta alle molteplici difficoltà che caratterizzano la diagnosi della ME/CFS, numerosi problemi metodologici in merito alle ricerche finora effettuate sulla malattia, come la piccola dimensione dei campioni, la partecipazione di soggetti con differenti sintomi a seconda degli studi o l'esclusione di diverse popolazioni chiave (ad esempio bambini, persone di sesso maschile, residenti in zone rurali, ecc.).

Per far fronte a queste problematiche e colmare le lacune attualmente esistenti in merito alla conoscenza della ME/CFS, il comitato di specialisti sottolinea la necessità di incrementare e migliorare la ricerca scientifica in questo campo, raccomandando, in particolare, la raccolta e la conservazione dei campioni biologici ricavati dai pazienti (siero, sangue, RNA e DNA) per supportare gli studi sulla scoperta di eventuali biomarcatori della malattia.

Infine, oltre ad evidenziare l'esigenza di approfondire l'istruzione e la formazione degli operatori sanitari sulla diagnosi e il trattamento della ME/CFS, il comitato di esperti sostiene che la comunità scientifica, i medici e le associazioni dei pazienti debbano stabilire una definizione standard della malattia, allo scopo di comprenderne meglio le caratteristiche e di accelerare lo sviluppo di nuovi strumenti diagnostici.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni