Collaborazione tra OMaR e screen4care (logo)

Ferlini (S4C): “Grazie all’accordo, più visibilità in Italia per le attività e i risultati del progetto. Usando test genetici per lo screening neonatale potremmo individuare un numero maggiore di malattie rare, in tempi brevi e a costi accessibili”

Lo screening genetico neonatale è un approccio innovativo che mira a potenziare ciò che fino ad oggi è stato possibile fare, in termini di diagnosi precoce di malattie rare e genetiche, con gli screening tradizionali basati su metaboliti, come nello screening neonatale esteso (SNE) e non sull'analisi diretta del gene coinvolto. Grazie all’utilizzo della genetica è infatti possibile individuare alla nascita un numero superiore di patologie rispetto a quelle ricercate oggi. Mentre la scienza lavora per mettere in luce le buone pratiche, disegnare le flowchart e valutare quali possano essere i problemi tecnici, è importante sensibilizzare e informare in modo puntuale e corretto l’opinione pubblica, che include i futuri genitori, il mondo medico e i decisori pubblici nazionali e regionali.

Scienza e comunicazione devono dunque lavorare in parallelo, ed è proprio per questo che è stato concordato un accordo di collaborazione tra OMaR - Osservatorio Malattie Rare  e il progetto europeo Screen4Care (S4C) coordinato da Università Universita di Ferrara e da Pfizer. Proprio in virtù di questo accordo i giornalisti di OMaR hanno avuto la possibilità di partecipare, il 25 e 26 aprile scorsi, al secondo “In-Person Project Meeting” a Copenaghen, occasione per fare il punto sugli obiettivi raggiunti nel corso del secondo anno di attività del progetto S4C e guardare alle sfide future, con un focus sull’importanza della partecipazione attiva di tutti i membri del consorzio.

Screen4Care è un progetto quinquennale (2021-2026) - finanziato con 25 milioni di euro dall’Unione Europea e dall’EPFIA - European Pharmaceutical Federation of Industries and Associations - che lavora su di un approccio di ricerca innovativo volto ad accelerare la diagnosi delle malattie rare e basato su due pilastri centrali: lo screening genetico neonatale e le tecnologie digitali.

“Le persone che convivono con patologie rare spesso si trovano ad affrontare un percorso lungo e difficoltoso per ottenere la diagnosi: una media di circa 8 anni di consultazioni inconcludenti e possibili diagnosi errate che portano a trattamenti inefficaci e a un utilizzo inefficiente delle risorse sanitarie – spiega Alessandra Ferlini, Professoressa di Genetica Medica, Università di Ferrara, e Coordinatrice Scientifica del progetto europeo Screen4Care – Se potessimo applicare un approccio di screening genetico neonatale per le patologie genetiche per le quali esiste un trattamento approvato, ogni anno, e a tutti i 4 milioni circa di neonati in Europa, potremmo assicurare ai piccoli pazienti precocemente identificati un accesso rapido ai trattamenti, valutare la reale incidenza delle  malattie rare e ultra-rare nella popolazione europea, e di conseguenza migliorare anche la programmazione e l’utilizzo delle risorse economiche. Poter offrire un test genetico neonatale per le patologie “trattabili” significherebbe migliorare le performance in termini di uguaglianza ed equità, consentendo a un numero maggiore di bambini di accedere alle nuove terapie disponibili. Lo screening genetico, infine, permette l’individuazione di malattie fino ad oggi non intercettate dagli screening metabolici, e oggi questo approccio è economicamente sostenibile poiché i costi delle analisi genetiche si stanno fortemente riducendo. Si tratta però di un cambiamento importante, che deve essere compreso e sostenuto dalle famiglie, dal mondo medico e delle istituzioni poiché impatta sulle politiche sanitarie. La collaborazione con Osservatorio Malattie Rare va in questa direzione: è importante per S4C poter parlare a un pubblico ampio e diverso con un linguaggio chiaro e con una capacità mediatica importante, così da far conoscere questo progetto nel nostro paese, e favorire la discussione e le decisioni su queste tematiche. Nel progetto, Screen4Care ha disegnato e utilizzerà un pannello custom di 245 geni (TREAT panel) per lo screening genetico neonatale, che verrà effettuato in diversi paesi europei, inclusa l’Italia. L’Italia è protagonista nello S4C non solo per il ruolo di Coordinamento Scientifico, ma anche perché il partner italiano Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, rappresentato dal Prof. Enrico Bertini, è stato scelto anche come “hub genomico” nel Laboratorio di Genomica diretto dal dr. Antonio Novelli, “hub” dove saranno analizzati tutti i neonati europei reclutati nel progetto (solo in Italia saranno circa 12.000)”conclude.

“Almeno l’80% delle malattie rare ha origine genetica e grazie alla genomica riusciamo a conoscerle sempre meglio. Queste conoscenze non hanno un valore solo in termini di ricerca scientifica, ma anche in una prospettiva traslazionale perché i risultati delle scoperte di laboratorio hanno un impatto sulla diagnosi, sulla ricerca di terapie e sulla costruzione di percorsi di presa in carico – spiega Ilaria Ciancaleoni Bartoli, Direttore di Osservatorio Malattie Rare – Per OMaR, che ha sempre dato grande attenzione al tema della diagnosi, e che ha lottato per l’introduzione dello screening neonatale in Italia, offrire oggi supporto comunicativo al progetto Screen4Care è particolarmente importante: vogliamo dare il nostro contributo alla realizzazione di un sistema di screening sempre migliore e fruibile per un numero più ampio di patologie. Crediamo che informare l’opinione pubblica – e dunque le famiglie ma anche i decisori – sia fondamentale, perché i grandi cambiamenti della medicina, soprattutto quando toccano popolazioni ampie come in questo caso, devono essere discussi e compresi per generare i migliori risultati”.

La collaborazione con il Progetto Screen4Care arriva, per OMaR, dopo quelli con dopo gli accordi siglati con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, con la SIGU - Società Italiana di Genetica Umana e con l’Accademia del Paziente Esperto EUPATI (AdPEE) APS, accordi che mirano a rendere sempre più organico il confronto e la collaborazione con le iniziative e i ricercatori e operatori più impegnati tramite riconoscimenti ufficiali sia nazionali che internazionali nel mondo delle malattie rare e genetiche.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni