Durante il congresso internazionale di oncologia dell’ASCO 2014, tenutosi a Chicago, sono stati presentati i risultati di uno studio clinico sul mesotelioma realizzato a Siena e condotto su pazienti provenienti da tutta Italia.
Lo studio è stato realizzato nel reparto di Immunoterapia Oncologica dell'AOU Senese, anche grazie al supporto dell'AIRC – Associazione Italiana Ricerca sul Cancro e dell'ITT – Istituto Toscano Tumori della Regione Toscana ed è stato guidato dal dottor Michele Maio, il quale aveva già precedentemente (2013) pubblicato un altro studio a riguardo su Lancet Oncology.

MolMed S.p.A. (MLM.MI) ha annunciato oggi i risultati dello studio in doppio cieco, controllato con placebo di Fase III su NGR-hTNF verso la migliore opzione terapeutica in 400 pazienti affetti da mesotelioma pleurico maligno che avevano fallito la chemioterapia di prima linea.
Pur non avendo raggiunto l'endpoint primario sulla sopravvivenza globale (OS) in tutta la popolazione, lo studio ha mostrato un aumento statisticamente significativo (non stratificato p=0,02; stratificato p=0,01) del 40% della sopravvivenza globale nei pazienti con prognosi peggiore, che erano andati in progressione durante o subito dopo la chemioterapia di prima linea.

Lo suggeriscono i risultati di uno studio di fattibilità canadese che ha osservato una sopravvivenza raddoppiata rispetto a quella con chirugia standard

E’ bene sottolinearlo subito: i dati presentati dall’equipe del Princess Margaret Center di Toronto, sulle pagine del Journal of Thoracic Oncology, sono assolutamente preliminare. Però delineano una nuova strada che potrebbe essere percorribile, fatti i dovuti approfondimenti, per aumentare la sopravvivenza di chi è colpito da mesotelioma, il tumore polmonare generalmente caratterizzato da prognosi infausta: si chiama SMART (Surgery for Mesothelioma After Radiation Therapy) il nuovo protocollo terapeutico adottato dai ricercatori canadesi e consiste in un ciclo breve di radioterapia ad alto dosaggio prima di sottoporre il paziente a intevento chirurgico radicale (la EPP, pneumonectomia extrapleurica).

Sperimentata l’efficacia di nuovi farmaci per trattare il mesotelioma, si cerca anche di individuare nuovi marker per la diagnosi precoce

La ricerca italiana è in prima linea per il trattamento del mesotelioma pleurico, un cancro polmonare maligno la cui insorgenza è fortemente associata all’inquinamento da amianto (da qui la definizione ‘tumore dell’amianto’). Ne danno la prova due studi coordinati dai team nostrani dell’Università di Siena e dell’Istituto tumori di Napoli-Crom, recentemente pubblicati a livello internazionale.

Mutti (Osservatorio Amianto): “Era la malattia degli operai, ora riguarda anche gli insegnanti”
Per il mesotelioma la ricerca punta su prevenzione e immunoterapia

Roma - Esistono ancora oggi operai delle acciaierie o delle industrie siderurgiche che sono a contatto quotidiano con le fibre di amianto: i casi più noti, come quello dell’Ilva di Taranto balzato agli onori della cronaca negli ultimi mesi. Ma ci sono anche i comuni cittadini, esposti inconsapevolmente all’inquinamento ambientale o alle emissioni da edifici – generalmente pubblici – i cui materiali di costruzione contengono l’amianto. Non da ultima una raccolta dati di Legambiente, per stabilire la sicurezza delle scuole: risultate troppo vecchie e fatiscenti in molte città, in alcune persiste ancora il rischio amianto.

Al progetto partecipano il Prof Gennaro D’Amato, il prof. Giuseppe Di Maria  e il prof. Roberto Valenza, offrendo la propria consulenza

L’Osservatorio Nazionale Amianto con la particolare collaborazione del Dipartimento Ricerca e Cura del Mesotelioma ha attivato l’"ambulatorio oncologico onlineONA ONLUS. Un modo per sostenere e assistere i pazienti affetti da patologie oncologiche come il mesotelioma e altre forme tumorali.
A questo progetto partecipano, offrendo la propria professionalità e consulenza, diversi medici specialisti: il prof. Gennaro D’Amato, (Direttore della Divisione di Malattie respiratorie e allergiche, Dipartimento di Malattie del Torace Ospedale A. Cardarelli, Napoli), il prof. Giuseppe Di Maria (Direttore della Scuola di Specializzazione in Pneumologia dell’Università di Catania) e il prof. Roberto Valenza (Direttore della UOC Oncologia, Ospedale Vittorio Emanuele Gela).

Lo studio è stato condotto a Siena in anteprima mondiale dall’Immunoterapia Oncologica diretta dal dottor Michele Maio.
Grazie ai risultati senesi è in corso lo studio registrativo internazionale.

Pubblicati su Lancet Oncology i risultati di una nuova possibile cura per il mesotelioma pleurico, sperimentata per la prima volta al mondo a Siena, dall'Immunoterapia Oncologica dell'AOU Senese, diretta dal dottor Michele Maio. Si tratta di uno studio effettuato con un anticorpo monoclonale, partito nel 2009 e condotto su 29 pazienti provenienti da tutta Italia e affetti da mesotelioma pleurico in fase avanzata di malattia e in progressione dopo una prima terapia, con prognosi sfavorevole.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni