Logo regione Marche

Le categorie a rischio verranno chiamate direttamente dalle strutture sanitarie

Nelle Marche, come in altre regioni, sono già in corso le vaccinazioni anti COVID-19 per gli Over 80, per il personale scolastico e per i soggetti maggiormente a rischio complicanze.

La Regione nel frattempo ha potenziato tutti i canali di comunicazione con la popolazione per supportare il Piano vaccini regionale. All’apertura della nuova pagina web sul sito istituzionale (www.regione.marche.it/vaccinicovid), dedicata ai vaccini e alle prenotazioni, si aggiunge quindi il rafforzamento del Numero Verde 800936677 sull’emergenza COVID-19 che i cittadini possono contattare per essere informati: le postazioni attive sono già state raddoppiate (da 7 a 14) e saranno ulteriormente incrementate. Da giovedì 1° aprile saranno ben 20 con orario 8-20.

Ecco nel dettaglio chi può prenotare la vaccinazione e come.

SOGGETTI OVER 80

Le prenotazioni sono effettuabili attraverso portale web prenotazioni.vaccinicovid.gov.it o tramite il numero verde 800.00.99.66.

Per la prenotazione online, oltre ai dati personali dell’utente, occorrerà disporre del numero di tessera sanitaria e del codice fiscale, e di un numero di cellulare al quale verrà notificata la conferma. All’utente prenotato verrà immediatamente comunicato il giorno, la sede dove verrà somministrato il vaccino e l’orario in cui ci si deve presentare al Punto di Vaccinazione.

I cittadini marchigiani con più di 80 anni non deambulanti e impossibilitati a recarsi presso i punti vaccinali territoriali possono richiedere la somministrazione a domicilio del vaccino online o chiamando il Numero Verde 800.00.99.66.

Le persone ospitate nelle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) verranno vaccinate in loco. Per le persone che non sono in grado di deambulare o di essere accompagnate, la vaccinazione sarà eseguita dall’ASUR mediante i Medici di medicina generale ovvero dalle altre strutture territoriali ADI (Assistenza Domiciliare Integrata).

Per maggiori informazioni clicca qui

CATEGORIE FRAGILI

Sono iniziate il 3 marzo anche le vaccinazioni del segmento della fragilità individuato dalle linee guida commissariali nazionali a cui verrà somministrato il vaccino Pfizer BioNTech o Moderna. Si tratta del segmento dei pazienti in cura e presi in carico dal Sistema sanitario regionale che non dovranno prenotarsi ma saranno chiamati dalle strutture sanitarie per procedere alla vaccinazione. Il flusso dei pazienti che saranno chiamati per la somministrazione del vaccino dipenderà dalla disponibilità delle dosi che saranno inviate alla Regione. Si inizia con i pazienti dializzati e si procederà poi con le altre fragilità rispetto alle priorità individuate come coloro i quali hanno patologie croniche e respiratorie, oncologiche, cardiopatiche e simili.

Per maggiori informazioni clicca qui

In seguito al superamento della sospensione cautelativa sul vaccino AstraZeneca, dopo i pronunciamenti di EMA e AIFA, si riavvia la campagna vaccinale per le nuove vaccinazioni anche con AstraZeneca.

Si è proceduto alla predisposizione degli elenchi degli utenti a cui, negli scorsi giorni, era stato sospeso l’appuntamento per il vaccino e che saranno contattati telefonicamente, a partire da venerdì 19 marzo, dagli operatori che forniranno loro indicazioni circa il giorno, il luogo e l’orario del nuovo appuntamento per la vaccinazione. La somministrazione dei vaccini AstraZeneca riprende, progressivamente, a partire da sabato 20 marzo, in tutti i punti vaccinali predisposti, che sono stati potenziati al fine di procedere al recupero di tutti gli appuntamenti entro il 31 marzo.

CATEGORIE ESTREMAMENTE VULNERABILI

Dal 29 marzo, le persone “estremamente vulnerabili” che non risultano seguite presso le strutture ospedaliere regionali e non sono quindi convocate in automatico, e non hanno generato una esenzione ticket, potranno prenotare la somministrazione del vaccino attraverso una lista dedicata sulla piattaforma delle Poste. Le liste verranno poi distribuite ai punti di vaccinazione ospedalieri che concorderanno gli appuntamenti.

Proseguirà poi la vaccinazione per i cittadini “estremamente vulnerabili” seguiti dal sistema sanitario regionale, già iniziata nelle scorse settimane con i pazienti dializzati e trapiantati, che vengono invece chiamati dagli operatori e vaccinati negli ospedali o possono rivolgersi direttamente al medico di famiglia se in difficoltà a raggiungere le strutture sanitarie. Queste persone non devono provvedere alla prenotazione.

Sono le prime novità del Piano Strategico ed Operativo Vaccini Anti Sars-Cov 2 approvato dalla giunta regionale

Tra le priorità del Piano anche i disabili gravi (ai sensi della legge 104/1992 art. 3 comma 3) che saranno vaccinati ad aprile. La vaccinazione dei pazienti ricoverati presso le strutture residenziali e semiresidenziali pubbliche e private sarà effettuata a titolo gratuito da parte del Gruppo Kos Care, che garantirà il percorso vaccinale nel rispetto delle regole sia per i pazienti da loro direttamente seguiti nelle loro strutture residenziali e semiresidenziali, sia per i pazienti gestiti nelle strutture pubbliche.

I disabili non assistiti in strutture residenziali o semiresidenziali possono invece rivolgersi ai medici di famiglia che garantiranno la vaccinazione o in alternativa al personale del Dipartimento Prevenzione dell’Area Vasta competente.

Per i pazienti che sono seguiti per le medesime patologie fuori regione e si trovano nella condizione più agevole di recarsi presso le sedi extraregionali sarà garantita la vaccinazione extraregionale come concordato tra tutte le Regioni.

CAREGIVER, GENITORI E CONVIVENTI

Relativamente ai caregiver e ai conviventi sia dei pazienti disabili che dei pazienti estremamente vulnerabili, si apriranno slot (liste di prenotazione) dedicati attraverso il sistema di prenotazione entro il mese di aprile. Fanno parte di questa categoria anche i genitori, tutori e affidatari di minori (0-15 anni) che rientrano nella categoria di estremamente vulnerabili e che, non potendo essere vaccinati direttamente, saranno protetti immunologicamente tramite la vaccinazione dei loro familiari conviventi. A questi si aggiungono i caregiver e conviventi che forniscono assistenza continuativa alle persone con disabilità e i conviventi di persone “estremamente fragili” secondo le patologie indicate dal ministero e riportate sul sito istituzionale.

SOGGETTI TRA I 70 E I 79 ANNI DI ETÀ

Le prenotazioni sono disponibili da lunedì 29 marzo. Per tutti coloro che possono raggiungere i punti vaccinali della popolazione (PVP) individuati sul territorio regionale sarà possibile prenotare le vaccinazioni anti-Covid-19 attraverso il portale di Poste Italiane https://prenotazioni.vaccinicovid.gov.it o tramite il Numero Verde 800.00.99.66 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18). Per la prenotazione online, oltre ai dati personali dell’utente, occorrerà disporre del numero di tessera sanitaria e del codice fiscale, e di un numero di cellulare al quale verrà notificata la conferma.

Con l’ausilio di Poste Italiane, è possibile prenotare anche nei PostaMat attivi sul territorio regionale (è sufficiente inserire la tessera sanitaria) o tramite i portalettere che consegnano la posta a casa.

Una volta avviata la prenotazione, all’utente verrà immediatamente comunicato il giorno, la sede dove verrà somministrato il vaccino e l’orario in cui ci si deve presentare al Punto di Vaccinazione.
Al momento della somministrazione della prima dose, sarà comunicato il giorno per effettuare il richiamo.

PERSONE DI ETÀ COMPRESA TRA I 65 E I 69 ANNI

Le persone appartenenti alla categoria 60-69 anni potranno prenotarsi sulla piattaforma web a partire da sabato 17 aprile e saranno vaccinati presso i PVP, i punti di vaccinazione della popolazione attivi sul territorio. Avvio delle prenotazioni dal mese di giugno compatibilmente con la fornitura di vaccini.

RESTO DELLA POPOLAZIONE 16-59 ANNI

La fase di vaccinazione per il resto della popolazione marchigiana 16-59 anni costituisce l’ultima parte della campagna vaccinale. L’avvio previsto, compatibilmente con la fornitura delle dosi, è per il mese di luglio.

 

Leggi anche

Vaccino COVID-19, malattie rare e disabilità: tutto quello che c’è da sapere

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni