La sindrome dell’X fragile, o sindrome di Martin-Bell, è una malattia genetica causata dalla mutazione del gene FMR1 sul cromosoma X. Questa sindrome è la causa più frequente del ritardo mentale ereditario. Si accompagna normalmente a un lieve dimorfismo, disturbi del comportamento e macrorchidismo nei maschi. L'incidenza della patologia è di circa 1 su 1250 soggetti di sesso maschile, e di 1 su 2500 di sesso femminile. Le donne portatrici sane di sindrome dell’X fragile sono circa 1 su 259.
Il codice di esenzione della sindrome dell'X fragile è RN1330 ("Sindrome del cromosoma X fragile").

Per approfondimenti clicca qui.

Sono stati pubblicati ad aprile, a breve distanza l’uno dall’altro, due studi scientifici che lascerebbero ben sperare in nuove strategie terapeutiche nei confronti della Sindrome da X Fragile, malattia rara ma anche la causa ereditaria più comune di ritardo mentale. In entrambe i casi gli occhi dei ricercatori sono puntati sui possibili benefici che potrebbero derivare dall’utilizzo di farmaci già esistenti. Nel primo caso si tratta di un antibiotico, ma Minocliclina, nel secondo di un modulatore del sistema endocannabinoide cerebrale, il Rimonabanta, un tempo utilizzato per la riduzione del peso e poi tolto dal commercio per gli effetti collaterali verificatisi in condizioni di abuso. Da queste due molecole, la cui relativa sicurezza è già stata provata, potrebbe ora venire una speranza per i tanti pazienti affetti da X Fragile: non la promessa di guarigione, certo, ma almeno del miglioramento di alcuni sintomi.

La sindrome produce un sovraccarico di segnali nelle cellule cerebrali

Secondo uno studio degli scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis, pubblicato il 20 febbraio sulla rivista Neuron, la sindrome da X Fragile causa un sovraccarico di segnali inviati alle cellule cerebrali, che a sua volta comporta la sintomatologia tipica della sindrome: ritardo cognitivo e disturbi comportamentali.

Donatella Bertelli, presidente dell’Associazione Italiana X Fragile, ha raccontato ai microfoni di Pharmastar la sua esperienza della rara malattia, che ha colpito entrambi i suoi figli. Bertelli spiega inoltre l’importanza delle novità terapeutiche e il ruolo dell’associazione italiana pazienti.

Dopo la diagnosi però serve sostegno, a partire dalla scuola

Il tempo medio per ottenere una diagnosi di Sindrome dell’X Fragile è di 3 o 4 anni. La diagnosi può essere confermata unicamente dall’indagine genetica, che rivela una mutazione dinamica che interessa l’espansione progressiva di un tratto di DNA che determina l’assenza della proteina FMRP.
I lunghi tempi della diagnosi si associano a una generale mancanza di informazione su questa rara patologia, che è però la prima causa di ritardo cognitivo ereditario. Di questo delicato argomento abbiamo parlato con Donatella Bertelli, Presidente dell’Associazione Italiana X Fragile e mamma di due ragazzi affetti dalla patologia.

Donatella Bertelli racconta: “Negli Usa è stato straordinario, in Italia si pratica l’arte di arrangiarsi”

Donatella Bertelli è presidente dell’Associazione Italiana X Fragile e mamma di due ragazzi affetti da questa rara patologia, Matteo e Antonio, di 25 e 21 anni.
Insieme ai suoi figli e al marito Donatella ha partecipato a uno studio clinico internazionale del National Institutes of Health (NIH, Istituto Nazionale della Salute statunitense), che aveva lo scopo di quantificare il tasso di produzione delle proteine FMRP nel cervello nei pazienti affetti dalla Sindrome dell’X Fragile.

Si lavora ad un test genetico per dare con precisione la diagnosi di autismo

USA - La Sindrome dell’X fragile è la forma più comune di disabilità intellettiva ereditaria, spesso accompagnata da diagnosi di disturbi dello spettro autistico. Una ricerca realizzata in collaborazione dai ricercatori della Duke University Medical Center e  dalla Rockefeller University, due prestigiosi istituti statunitensi, ha indagato la correlazione tra la sindrome dell’X fragile e l’autismo, arrivando ad ipotizzare un nuovo test genetico in grado di diagnosticare l’autismo con precisione.

Uno studio italiano dimostra che l'attivazione di un recettore per la serotonina riduce la depressione sinaptica a lungo termine

CATANIA - É uno studio tutto italiano a fare un nuovo passo avanti nella ricerca di una terapia contro la Sindrome dell'X fragile, la forma più comune di ritardo cognitivo ereditario. La ricerca, pubblicata nel numero corrente di Biological Psychiatry, è stata condotta presso l'Università di Catania dal team della Dr.ssa Lucia Ciranna, che ha utilizzato il modello murino della sindrome per identificare un nuovo meccanismo molecolare.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni