Ricordiamo innanzitutto che sono da considerarsi fragili, ai sensi della Circolare congiunta del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministero della Salute n. 13 del 4 settembre 2020, quei lavoratori che, a causa di una patologia preesistente, sono esposti al rischio di un esito grave o infausto dell’infezione da Covid-19. Il tutto a prescindere dal fatto che si siano o meno sottoposte al ciclo vaccinale.

DIRITTO ALLO SMART WORKING

Il Decreto Vigilia (DL 221/2021) ha prorogato fino al 28 febbraio 2022 le disposizioni di cui all'articolo 26, comma 2-bis, del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 (cosiddetto Cura Italia), convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 27 del 24 aprile 2020, ovvero la priorità allo svolgimento dell’attività lavorativa in modalità agile per i lavorati fragili.

Lo stesso DL 221 aveva previsto, inoltre, che il Ministero della Salute individuasse “le patologie croniche con scarso compenso clinico e con particolare connotazione di gravità, in presenza delle quali, fino al 28 febbraio 2022, la prestazione lavorativa è normalmente svolta in modalità agile”.

Il Decreto Ministeriale dal 4 febbraio 2022 ha provveduto a individuare, nel dettaglio, queste patologie. In sintesi, la tutela è prevista per tutte le immunodeficienze, per i pazienti con presenza di tre patologie croniche gravi e in una serie di situazioni in cui sia stata certificata la non vaccinabilità, in presenza di patologie accertate. Per approfondimento si rimanda al nostro articolo “Smart working, è diritto solo fino a fine mese per poche patologie. Grande confusione su esenzioni vaccinali”.

AggiornamentoCon il Messaggio n. 1126 del 11 marzo 2022, l'INPS ha prorogato il diritto prioritario allo smart working per i lavoratori fragili fino al 31 marzo 2022.

DIRITTO ALL’ASSENZA DA LAVORO EQUIPARATA AL RICOVERO OSPEDALIERO

Il diritto di potersi assentare dal lavoro con equiparazione del periodo di assenza a degenza ospedaliera, introdotto dal comma 2 dell’articolo 26 del Decreto Cura Italia, è stato prorogato dalla Legge 11/2022 (legge di conversione del DL Vigilia) fino al 31 marzo 2022. Con il Messaggio n. 1126 del 11 marzo 2022, l'INPS ha ufficializzato l'operatività della proroga.

Per coloro che, nel corso del 2021, si siano avvalsi della tutela suesposta, segnaliamo inoltre la possibilità di richiedere un bonus una tantum di 1.000 euro. Tutti i dettagli su coloro a cui spetta e le modalità per farne richiesta sono disponibili nel nostro approfondimento dedicato “Legge di bilancio 2022: bonus di 1.000 euro per i lavoratori fragili”.

Articoli correlati

Sportello legale OMaR

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

7 Giorni Sanità

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Nico è così

"Nico è così" - Un romanzo che dà voce ai giovani con emofilia

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni