SZEGED (UNGHERIA) – La sindrome di Brugada è un’aritmia cardiaca ereditaria caratterizzata da sovraslivellamento del tratto ST nelle derivazioni elettrocardiografiche precordiali destre, blocco di branca destra completo o incompleto e suscettibilità alla tachiaritmia ventricolare. È un disturbo elettrico in assenza di difetti evidenti del miocardio ed è associata ad un alto rischio di morte cardiaca improvvisa.

Il ricercatore ungherese Bence Patocskai e l’americano Charles Antzelevitch, in uno studio pubblicato sulla rivista Expert Opinion on Orphan Drugs, hanno discusso le manifestazioni della sindrome all’elettrocardiogramma: questa può essere smascherata o aggravata da bloccanti dei canali del sodio, stati febbrili, agenti vagotonici, così come da antidepressivi triciclici e tetraciclici.

Gli studiosi hanno indagato le basi genetiche e i meccanismi ionici e cellulari alla base della sindrome. La terapia può coinvolgere diversi dispositivi, tra cui un defibrillatore cardioverter impiantabile, l’ablazione con radiofrequenza e la terapia farmacologica, che mira a produrre un cambiamento attivo nel bilanciamento delle correnti attive durante la fase I del potenziale d’azione ventricolare destro, sia stimolando la corrente del canale del calcio (isoproterenolo, cilostazolo e milrinone) che con l’inibizione della corrente esterna transitoria Ito (chinidina, bepridil e l’estratto di erbe cinesi Wenxin Keli).

Questo studio fornisce una panoramica degli aspetti clinici e molecolari della sindrome di Brugada, con un focus sugli approcci alla terapia. I dati disponibili – concludono i ricercatori – suggeriscono che gli agenti capaci di inibire la corrente esterna transitoria Ito possono esercitare un effetto migliorativo indipendentemente dalla causa sottostante.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni