Fondo sordità e ipoacusia 2021

Il Fondo è finanziato anche per il triennio 2022-2024 con una copertura di 6 milioni di euro annui

Il 12 maggio scorso il Ministro per le disabilità, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, ha stabilito, tramite Decreto interministeriale, i criteri e le modalità per l'utilizzazione, per il 2021, delle risorse del “Fondo per l'inclusione delle persone sorde e con ipoacusia”, previsto dall'art. 1, comma 456, della legge n. 145 del 30 dicembre 2018.

Il DM è pienamente operativo a seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 17 agosto 2022 (GU Serie Generale n.191 del 17-08-2022).

RIPARTIZIONE DEI FONDI

Le risorse assegnate al “Fondo per l’inclusione delle persone sorde e con ipoacusia”, pari a 8 milioni di euro per l’anno 2021, sono così suddivise:

  • 4 milioni di euro al Fondo per il finanziamento ordinario delle università statali e dei consorzi interuniversitari, per l’attivazione dei percorsi formativi per l’accesso alle professioni di interprete in Lingua dei segni italiana (LIS) e in Lingua dei segni italiana tattile (LIST);
  • 000 euro alla promozione di campagne di comunicazione da parte della Presidenza del Consiglio dei ministri, al fine di favorire i processi di inclusione sociale delle persone sorde e con ipoacusia, con protesi acustiche o impianto cocleare;
  • 3,5 milioni di euro alla promozione di progetti di informazione sulla sordità o ipoacusia neonatale o neurodegenerativa, di progetti per la conoscenza e la promozione della cultura della comunità sorda in Italia, di progetti sperimentali per l’analisi e la conservazione della Lingua dei segni italiana (LIS) e in Lingua dei segni italiana tattile (LIST) e per la diffusione dei servizi di interpretariato in Lingua dei segni italiana (LIS) e in Lingua dei segni italiana tattile (LIST) con particolare riguardo:
    • la promozione della conoscenza e delle competenze nell’uso della Lingua dei segni italiana (LIS) e in Lingua dei segni italiana tattile (LIST);
    • la diffusione di servizi di interpretariato per l’accesso ai servizi pubblici, compresi quelli di emergenza;
    • l’uso di ogni altra tecnologia finalizzata all’abbattimento delle barriere all’informazione o alla comunicazione delle persone sorde o con ipoacusia, con protesi acustiche o impianti cocleari.

Le risorse di cui al terzo punto, destinate a iniziative d’informazione e cultura, sono destinate al finanziamento di progetti individuati mediante avvisi pubblici, anche non competitivi, riservati a pubbliche amministrazioni centrali, ad enti pubblici, alle regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano, anche in forma associativa, tra loro e con gli enti del terzo settore maggiormente rappresentativi delle categorie beneficiarie, con associazioni rappresentative delle persone sorde, e con istituti di studio e ricerca pubblici

Il “Fondo per l'inclusione delle persone sorde e con ipoacusia” è stato già finanziato anche per il triennio 2022-2024, con uno stanziamento annuale pari a 6 milioni di euro.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni