Un manifesto sulla vitiligine

Riconoscimento, eliminazione dello stigma, accesso alle cure, creazione di percorsi di presa in carico e supporto psicologico sono le istanze presentate

Ansia, depressione e malattie sistemiche associate: la vitiligine è una malattia cronica autoimmune che va oltre la pelle ed affligge 330mila persone in Italia. L’associazione di pazienti ANAP Onlus - Associazione Nazionale “Gli Amici per la Pelle” ha raccolto in un Manifesto le cinque azioni da intraprendere per ottimizzare la gestione di questa patologia: “Purtroppo c’è ancora molta disinformazione sulla vitiligine”, spiega Ugo Viora, Presidente dell’Associazione. “Questa condizione viene spesso ricondotta alla sola sfera estetica, quando invece si tratta di una vera malattia cronica autoimmune con un forte impatto psico-sociale sui pazienti, la metà dei quali è rappresentata da minori e giovani adulti: ansia e depressione risultano rispettivamente il 72 per cento e il 32 per cento più diffuse rispetto al resto della popolazione e il ricorso a percorsi di terapia è 20 volte più frequente. Il Manifesto nasce con l’intento di fare chiarezza sulla vitiligine e lanciare un appello alle istituzioni affinché vengano intraprese le azioni necessarie per supportare i pazienti e le loro famiglie”.

Malattie infiammatorie croniche intestinali

Presentati i dati dello studio osservazionale IBD-Podcast e dell’indagine ACQUIRE-IBD, oltre ai risultati della ricerca IXE’ sulla conoscenza di queste patologie tra la popolazione

Milano – Colpiscono quasi 7 milioni di persone in tutto il mondo e circa 250.000 in Italia, con un’incidenza stimata intorno ai 10-15 nuovi casi su 100.000 abitanti all’anno e una prevalenza calcolata di circa lo 0,2%-0,4%. Le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI) causano disabilità spesso invisibili e, allo stesso tempo, incidono in maniera molto pesante sulla vita quotidiana dei pazienti compromettendone seriamente la qualità di vita. Negli ultimi 10 anni, le diagnosi di nuovi casi e il numero di pazienti sono aumentati di circa 20 volte e si stima che nei prossimi 10 anni possa verificarsi una crescita della prevalenza di oltre il 30%-40%.

Occlusione venosa retinica - faricimab

Il farmaco ha evidenziato un’importante riduzione del liquido retinico, che è spesso associato a visione distorta o sfocata

Basilea (Svizzera) - Roche ha annunciato nuovi dati positivi provenienti da due studi internazionali di Fase III, BALATON e COMINO, volti a valutare faricimab nell’edema maculare dovuto a occlusione venosa retinica (RVO) di branca e centrale. Mentre i trattamenti ad oggi disponibili per la RVO vengono somministrati solitamente ogni mese o ogni due mesi, i dati hanno dimostrato che quasi il 60% delle persone che hanno ricevuto faricimab all’interno dello studio BALATON e fino al 48% delle persone che hanno ricevuto faricimab nello studio COMINO è stato in grado di estendere gli intervalli di trattamento fino a tre o quattro mesi.

Immunoterapia per epatite B

Testato su modelli animali, il farmaco sembra in grado di riattivare il sistema immunitario contro la malattia

Milano – Sono oltre 300 milioni le persone al mondo affette dalla forma cronica dell’epatite B, fra i primi fattori di rischio per cirrosi epatica e tumore al fegato. Nei pazienti colpiti da questa infezione cronica il sistema immunitario non riesce a debellare il virus responsabile della malattia, che continua a sopravvivere e riprodursi all’interno delle cellule del fegato. Un gruppo di ricercatori di Ospedale e Università Vita-Salute San Raffaele, grazie alla stretta collaborazione con la start up americana Asher Biotherapeutics, ha sperimentato per la prima volta al mondo, in modelli preclinici, una molecola in grado di riattivare il sistema immunitario contro l’epatite B cronica.

Paziente ictus - Manuale di valutazione della comunicazione del percorso assistenziale

Al progetto ha partecipato ALICe Italia Odv insieme ad altre associazioni e ad esperti del settore

Roma – L’ictus rappresenta uno dei più importanti problemi sanitari non solo nel nostro Paese, ma in tutti i Paesi industrializzati, sia per dimensioni epidemiologiche che per impatto sociale, economico ed emotivo, perché costituisce una tra le più frequenti cause di mortalità e disabilità. L’assistenza in aree di degenza dedicate, la precoce e completa presa in carico da parte di un team multidisciplinare di operatori esperti, il rapido accesso alla diagnostica per immagini e la precocità di un immediato intervento riabilitativo migliorano la sopravvivenza e, nello stesso tempo, diminuiscono il rischio di disabilità residua.

Asma - survey nazionale

Il questionario è stato compilato da 700 pazienti e dai medici dei 40 centri specialistici coinvolti nell’iniziativa Asma Wero Week

Milano – Una survey di follow up della campagna di consulenze specialistiche Asma Zero Week 2023, condotta su pazienti e medici dei centri specialistici coinvolti dall’iniziativa nazionale, rivela la persistenza di approcci terapeutici per l’asma non raccomandati e conferma l'importanza di sensibilizzare ed educare alla prevenzione, alla diagnosi precoce e all’aderenza alla terapia prescritta dallo specialista.

Dermatite atopica, approvazione europea per lebrikizumab

Il farmaco ha dimostrato una rapida efficacia clinica e un mantenimento della risposta fino a 2 anni, sia in monoterapia che in combinazione con corticosteroidi topici

Milano – La Commissione Europea (CE) ha approvato lebrikizumab (nome commerciale Ebglyss) per il trattamento di pazienti adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni, con un peso corporeo di almeno 40 kg) affetti da dermatite atopica da moderata a grave, che sono candidati per la terapia sistemica. A detenere i diritti di sviluppo e commercializzazione del farmaco in Europa è l’azienda Almirall.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni