Lavoratori con malattie rare: agevolazioni e diritti

Malati rari e lavoro: la raccolta delle normative su collocamento, permessi e supporti per i lavoratori con malattie rare e disabilità

L’inserimento lavorativo delle cosiddette “categorie protette” è regolamentato in Italia dalla Legge n. 68 del 12 marzo 1999, costituita da un insieme di norme che garantiscono un collocamento  (in aziende e pubbliche amministrazioni sopra i 15 dipendenti) non solo obbligatorio ma mirato grazie ai servizi di sostegno e alla cooperazione tra tutti i soggetti coinvolti. Come spesso accade, le agevolazioni per i malati rari sono vincolate al riconoscimento di una certa percentuale di invalidità.

Riprendiamo quindi, innanzitutto, gli approfondimenti:

L’Art. 8 della Legge 68, in particolare, stabilisce che i malati rari cui sia stata riconosciuta un’invalidità che sono alla ricerca di lavoro debbano iscriversi alle liste delle Categorie protette al Centro per l’impiego territoriale presentando una documentazione che attesti l’identità, la formazione professionale e l’accertamento dello stato di disabilità.

Schematizziamo di seguito diritti e agevolazioni messe a disposizione dei lavoratori, a seconda della percentuale d’invalidità o d’inabilità lavorativa (certificazione INAIL).

Malati rari con residua capacità lavorativacollocamento mirato:

  • invalidità inferiore al 45%: nessuna agevolazione specifica per l’ambito lavorativo,
  • invalidità superiore al 45%: diritto all’inserimento nelle liste di collocamento mirato.

Altri casi:

  • invalidi del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%, non vedenti, sordi o muti e invalidi di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio con minorazioni: diritto all’inserimento nelle liste di collocamento mirato,
  • inabili al lavoro per infortuni sul lavoro verificatesi o malattie professionali denunciate fino al 31 dicembre 2006, con percentuale di inabilità, riconosciuta dall’INAIL, non inferiore al 34%: se, anche a seguito dell’iscrizione alle liste speciali, il collocamento non avviene, è possibile richiedere l’assegno d’incollocabilità
  • grado di menomazione dell'integrità psicofisica/danno biologico superiore al 20%, riconosciuto dall’INAIL per gli infortuni verificatisi e per le malattie professionali denunciate a decorrere dal 1° gennaio 2007: se, anche a seguito dell’iscrizione alle liste speciali, il collocamento non avviene, è possibile richiedere l’assegno d’incollocabilità

Malattie rare e lavoro: aumenta lievemente l’assegno di incollocabilità (clicca per leggere l'approfondimento dedicato)

Malati rari impossibilitati a svolgere qualsiasi attività lavorativa:

  • invalidità compresa tra il 74% e il 99% (compreso): possibilità di richiedere l’assegno d’invalidità / assegno mensile di assistenza,
  • invalidità totale / del 100%: possibilità di chiedere la pensione d’invalidità.

Più di recente, con il Capo I del Decreto legislativo n. 151 del 14 settembre 2015 sono state apportate alcune modifiche alla Legge 68/99. In primis, con l’obiettivo di rafforzare il collocamento mirato, è stata prevista l’emanazione di linee guida volte a promuovere una rete integrata con i servizi, gli accordi territoriali, la valutazione bio-psico-sociale della disabilità, gli accomodamenti ragionevoli, il responsabile dell'inserimento lavorativo e le buone pratiche di inclusione lavorativa. Il documento è stato tuttavia predisposto solo a inizio 2022.

Una volta inserito nel mondo del lavoro, attraverso collocamento mirato o meno, ogni malato raro viene tutelato nello svolgimento delle proprie mansioni, compatibilmente alla propria patologia, attraverso:

  • PRIORITÀ NELLA SCELTA DELLA SEDE DI LAVORO
  • ASSEGNAZIONE A MANSIONI ADEGUATE
  • ESONERO DAL LAVORO NOTTURNO
  • REVISIONE DEGLI ORARI DI LAVORO
  • TELELAVORO
  • ASSENZE “GIUSTIFICATE”

 

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI OMAR SUL TEMA

Malattie rare, la normativa sull’inserimento lavorativo dei pazienti 
Linee guida in materia di collocamento mirato delle persone con disabilità
Malattie rare, i diritti dei pazienti sul posto di lavoro
Tumori, quali agevolazioni e diritti sul lavoro per i malati oncologici?
Disabilità: via libera ai permessi per i familiari “acquisiti” anche per gli uniti civilmente
Invalidità e prepensionamento: cosa prevede la legge?
APE Sociale: cos’è, chi può fare richiesta dell’anticipo pensionistico e con quali modalità

APPROFONDIMENTI PER I CAREGIVER

Disabili e caregiver: la scelta della sede di lavoro e diritto a non essere trasferiti
Caregiver familiari, lavoratori a tempo pieno invisibili a tutti
Fondo per i caregiver: tempi e modalità di accesso ai finanziamenti per le regioni
Disabilità e malattie rare: quei fondi per i caregiver mai assegnati (o ancora in attesa)
Quali diritti per il caregiver del malato oncologico raro?
Disabilità e malattie invalidanti: istituito il Fondo per il sostegno del Caregiver familiare

SPECIALE LAVORATORI E COVID-19

Lavoratori fragili: assenza equiparata a ricovero fino al 31 marzo ma non per tutti
Quali sono le misure, legate al Covid, in vigore per i lavoratori fragili?
Coronavirus e lavoratori a rischio: INPS chiarisce chi e come certifica l’assenza
Ho una malattia rara, sono considerato a rischio Covid-19? Posso assentarmi dal lavoro?
Coronavirus: sono invalida e soffro di problemi immunitari, cosa devo fare per non recarmi al lavoro?
Coronavirus: essendo invalida, posso usare i giorni riservati alle cure per non andare al lavoro?
Astensione dal lavoro per COVID-19, lo stipendio verrà decurtato? Continuerò a percepire l’assegno ordinario invalidità?
COVID-19, con il certificato di astensione dal lavoro l’assenza è computata ai fini del comporto? Ci sono trattenute?
Astensione dal lavoro per COVID-19 equiparato a ricovero ospedaliero con moglie a carico: mi viene decurtato lo stipendio?
Coronavirus, quali patologie e condizioni portano al diritto dell’astensione dal lavoro V07?
Coronavirus: con un malato cronico in famiglia posso usufruire di lavoro flessibile?
Coronavirus e Sjogren: ho febbre e tosse e lavoro in RSA, cosa devo fare?
Coronavirus e Arnold-Chiari, come si ottiene un periodo di estensione dal lavoro?

FONTI NORMATIVE

Legge 12 marzo 1999 n. 68 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”
Decreto legislativo 151/2015 “Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183”
Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità del 2006, ratificata dall'Italia nel 2009
Strategia europea per i diritti delle persone con disabilità 2021-2030
Primo Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e dell’integrazione delle persone con disabilità”, adottato con decreto del Presidente della Repubblica (DPR) il 4 ottobre 2013
Secondo Programma di Azione Biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità, adottato con Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) del 12 ottobre 2017
Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) #Nextgeneration Italia, approvato in Consiglio dei ministri il 30 aprile 2021

 

Le principali FAQ a tema lavoro dello Sportello legale

Con il codice di astensione al lavoro V07 è possibile uscire di casa?
Lavoro: posso chiedere la trasformazione del contratto di lavoro full time in contratto di lavoro part time?
Sono affetto da una malattia rara sottoposto a terapia immunosoppressiva, l'assenza dal lavoro rientra nel periodo di malattia?
Ho una malattia cronica, come procedere per il certificato d'astensione dal lavoro?
Coronavirus: sono affetta da pemfigoide bolloso, cosa fare con il lavoro?
Coronavirus e sindrome di Verneuil, ho diritto ad astenermi dal lavoro?

 

Non hai trovato risposte alle tue domande? Contatta direttamente lo SPORTELLO LEGALE cliccando qui.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni