E' stata riportata dal quotidiano locale “La Nuova Ferrara” la notizia che le richieste avanzate dai genitori del piccolo Francesco, bambino di 22 mesi di Ostellato affetto da rachitismo ipofosfatemico resistente alla vitamina D, sono state ascoltate. I due genitori hanno fatto presente come le stesse medicine necessarie alla cura del loro piccolo fossero esenti da pagamento nella Regione Veneto e invece a pagamento in Emilia-Romagna.
Il rachitismo ipofosfatemico resistente alla vitamina D è una malattia rara e quindi molte sono le difficoltà che pazienti e famiglie sono costrette ad affrontare. In questo caso la famiglia di Francesco, per garantirgli una cura, era costretta a spendere 600 euro al mese di medicinali. Quando, invece, in un'altra regione italiana le stesse medicine venivano fornite gratuitamente.

Fortunatamente la soluzione è stata trovata in tempi brevi, considerando anche che la cura necessaria al trattamento del rachitismo ipofosfatemico resistente alla vitamina D è a base di Esofosfina, prodotto in graduale aumento di prezzo.

In realtà è stata la signora Simonetta, nonna di Francesco, con la collaborazione del giornale “La Nuova Ferrara” a sollevare il caso. Immediatamente si sono attivati il sindaco di Ostellato, Andrea Marchi, e la presidente della Provincia, Marcella Zappaterra che hanno incontrato Massimiliano e Sonia, i genitori del bimbo e nel giro di appena due giorni la questione è stata risolta.

Sportello legale

L'esperto risponde

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni